Punti di interesse23 marzo 2021

Bucarest, la storia della città sino ad oggi

La leggenda dice che un pastore che si chiamava Bucur ha deciso di stabilirsi con le sue pecore in un campo fertile, presso una riva e, poco a poco, creò un’abitazione che poi diventerà Bucarest, la capitale di Romania.

Atheneum Bucharest

Atheneum Bucharest

La leggenda dice che un pastore che si chiamava Bucur ha deciso di stabilirsi con le sue pecore in un campo fertile, presso una riva e, poco a poco, creò un’abitazione che poi diventerà Bucarest, la capitale di Romania. La documentazione storica attesta l’esistenza della città Bucarest per la prima volta al 20 settembre 1459; il documento di cui parliamo era una lettera dall’infame sovrano Vlad Tepes, che confermava una donazione per un gruppo di piccoli nobili locali.   Nulla di importante nei documenti storici fino all’anno 1659, quando Bucarest diventa la capitale della Valacchia durante la sovranità di Gheorghe Ghica.

Due secoli più tardi, nel 1859, Bucarest è scelta come capitale del nuovo stato di Romania, che si formò dopo che Alexandru Ioan Cuza fu eletto come sovrano sia in Moldavia che in Valacchia. I due stati medioevali sono stati uniti in un paese moderno, che otterrà la sua indipendenza dopo la guerra del 1877 contro l’Impero Ottomano.   L’epoca d’oro dello sviluppo culturale e architetturale

Lo sviluppo più grande di Bucarest cominciò quando la Romania diventò una monarchia il 10 maggio 1866 – il giorno che il principe alemanno Karl Eitel Friedrich Zephyrinus Ludwig von Hohenzollern – Sigmaringen è entrato sul territorio della Romania per diventare Re Carlo I.

Una grande parte dei più riconoscibili edifici sono stati costruiti durante l’ultimo decennio del secolo XIX e i primi due decenni del XX secolo.   Il palazzo reale (ora sede del Museo Nazionale dell’Arte - http://www.mnar.arts.ro ), l’Ateneo Romeno (http://www.fge.org.ro/en/romanian-atheneum.html ), il palazzo Cotroceni (la residenza ufficiale del Presidente della Romania e anche museo - http://www.muzeulcotroceni.ro ) sono alcune delle più importanti costruzioni realizzate durante l’epoca d’oro della monarchia. 

Dopo secoli di moda orientale, bizantina e ottomana, l’elite di Bucarest ha scoperto la moda dell’Ovest Europa. I nobili, politici e proprietari terrieri ricchi cominciarono a cambiare il passaggio di Bucarest. Molte ville in stile Art Nouveau sono state costruite, tutte intorno a Palazzo Reale e Calea Victoriei, creando ciò che oggi chiamiamo Il Centro Vecchio. Una delle ville rappresentative per lo stilo architettonico dell’epoca è la residenza del famoso compositore e violinista romeno George Enescu; oggi, la sua casa è un museo memoriale che può essere visitato (http://www.georgeenescu.ro ). 

Silvia Gabriela Constatin

AEROPORTI


CONSOLATI GENERALI


NUMERI UTILI

  • 112 - Apeluri de urgenta (Nr. unic de urgenta)
  • 118932 - Informatii numere de telefon
  • 1958 - Ora exacta
  • 0256-437973 - Centrul de Informare Turistica Timisoara
  • 0256-493806 - Informatii CFR
  • 0256-493471 - Autogara Autotim Timisoara
  • 0256-493639 - Aeroportul International Timisoara
  • 0256-220835 - Oficiul Registrul Comertului
  • 0256-408300 - Primaria Timisoara
  • 0256-493694 - Consiliul Judeţean Timis
  • 0256-493393 - Timpark ( N. Titulescu 10- ADP)
  • 0256-402703 - Politia rutiera
  • 0256-246112 - Politia locală

TAXI

  • Radio Taxi - 0256-940
  • Euro Taxi - 0256-941
  • Pro Taxi - 0256-942
  • Fan Taxi - 0256-944
  • Tudo Taxi - 0256-945
  • Autogen Taxi - 0256-988

NOLEGGIO AUTO

International editions:   English | Italiano | Română