Tradizioni09 marzo 2021

I Mucenici – i quaranta santi martiri che segnano la rinascita del tempo

Nel calendario ortodosso, il 9 marzo segna una celebrazione importante, la giornata dei quaranta santi martiri, un giorno dei doni alimentari specifici, in cui il consumo rituale poteva influenzare la salute e la forza di lavorare delle persone per l'anno agricolo a venire

I Mucenicii – i quaranta santi martiri

I Mucenicii – i quaranta santi martiri

Secondo la leggenda, i martiri erano dei soldati romani che credevano fortemente in Cristo. Sotto l'imperatore Licinio, in Armenia, in particolare nella città di Sebastia, dove governava un certo Agricolae, sono stati legati, per colpa della loro fede, e buttati in un lago ghiacciato, con l'obiettivo evidente di perderli. Nel cielo sembra che fosse uscito il sole che ha sciolto il ghiaccio, ha riscaldato l’acqua e così i martirii nella fede di Cristo sarebbero stati salvati. Infuriati, i torturatori gli hanno tirato a riva e gli hanno schiacciato le caviglie con dei martelli.

Da qui risale l’abitudine per le persone di bere quaranta bicchieri di vino (o di offrirli come carità nel nome dei morti), da cui anche il nome delle ciambelline unti con miele e noci, di "martiri" (e che, naturalmente, si dovevano mangiare sempre quaranta), ecc. In realtà, siamo, ancora una volta, di fronte ad una sovrapposizione di credenze, tradizioni, costumi e rituali.

Il Nuovo Anno Agricolo non poteva essere contrassegnato in un altro modo, nel mondo arcaico, che da una serie di manifestazioni legati al rito, alla ricostruzione dei legami con le anime dei morti, dell’invocazione dei loro spiriti, ecc.

"Nel calendario ortodosso, il 9 marzo segna una celebrazione importante, la giornata dei quaranta santi martiri, un giorno dei doni alimentari specifici, in cui il consumo rituale poteva influenzare la salute e la forza di lavorare delle persone per l'anno agricolo a venire (in questo giorno si svolgeva l’uscita ufficiale degli aratri sui campi). Le ciambelline fatte a forma di uccelli, api o uomo attestano il sincretismo della pratica, che segna così la sovrapposizione di diverse cerimonie: l’accoglimento della primavera e degli uccelli che ritornano ai loro nidi, la celebrazione delle api, che segnava l'apertura della stagione dell’apicoltura, ma anche una celebrazione dei morti, un ricordo di chi è stato dimenticato (da qui forse anche il grande consumo di alimenti rituali, come: quaranta bicchieri di vino, quaranta ciambelline, quaranta pesci, ecc.)"[1].

Inoltre, una serie di attività specifiche del calendario agricolo (l’incendiamento dei rifiuti vegetali dagli orti e dai campi, la preparazione dei terreni per l'aratura, ecc. sono interpretate ritualmente, essendo la "mira" dei riti agrari specifici. Tuttavia, siamo certi di essere di fronte a delle manifestazioni ancestrali della celebrazione del Nuovo Anno secondo il vecchio rito, perché non mancano, ancora una volta, le previsioni di natura meteorologica:

"Accendere i fuochi nei cortili, bruciare la spazzatura (per scongelare la terra, ma anche per proteggere la masseria attraverso il fuoco domestico e del fumo speciale) e il battere con dei bastoni il terreno per chiamare la primavera, sono solo alcuni degli atti rituali necessari per invocare la primavera. In questo senso va intesa anche la lettura dei segni della primavera, dopo di che si potevano fare delle previsioni preziose del tempo."[2]

 

Fonti:

[1] Antoaneta Olteanu, Calendarele poporului Român, București, Editura Paideia, p. 141

[2] Ibidem

Gheorghe Sechesan

AEROPORTI


CONSOLATI GENERALI


NUMERI UTILI

  • 112 - Apeluri de urgenta (Nr. unic de urgenta)
  • 118932 - Informatii numere de telefon
  • 1958 - Ora exacta
  • 0256-437973 - Centrul de Informare Turistica Timisoara
  • 0256-493806 - Informatii CFR
  • 0256-493471 - Autogara Autotim Timisoara
  • 0256-493639 - Aeroportul International Timisoara
  • 0256-220835 - Oficiul Registrul Comertului
  • 0256-408300 - Primaria Timisoara
  • 0256-493694 - Consiliul Judeţean Timis
  • 0256-493393 - Timpark ( N. Titulescu 10- ADP)
  • 0256-402703 - Politia rutiera
  • 0256-246112 - Politia locală

TAXI

  • Radio Taxi - 0256-940
  • Euro Taxi - 0256-941
  • Pro Taxi - 0256-942
  • Fan Taxi - 0256-944
  • Tudo Taxi - 0256-945
  • Autogen Taxi - 0256-988

NOLEGGIO AUTO

International editions:   English | Italiano | Română